E’ la settimana del derby romano, è la settimana degli sfotto’

E’ iniziata la settimana del derby tra i giallorossi e i
bianco-qualcosa-di sbiadito. 
Per quanto mi riguarda, nemici mai, ma sfottervi sempre sì, cari
cuginetti pigiamati.
Del resto di voi bianco-qualcosa-di-sbiadito, non mi sono mai
dato particolare conto.
Tanto meno di quelli che hanno il disco incantato sul sul 26 maggio.

Mi bruciano ben altre sconfitte rispetto a quella finale di Coppa
Italia, cui tenevo solo perché sarebbe stata la decima e noi saremmo stati i
primi a raggiungere la doppia cifra.

Per me, che ho vissuto la Roma degli anni ’80 (tra l’altro
quando la Lazio era solo una squadretta da mezza classifica di serie B) i
rivali di sempre sono solo gli juventini, verso cui nutro la mia più totale
antipatia sportiva (e lì finisce)..

I laziali, pòrelli, ma che gli vuoi dire?

So’ nati prima e si so’ chiamati Lazio. Hanno preso i colori
della Grecia e l’aquila dei legionari (che non erano, certo i “cives” romani).

Potevano prendere il nome della città più nota al mondo, i
suoi colori nonché la Lupa capitolina, simbolo universale dell’Urbe eterna.
Nella loro fondazione c’è la loro perenne condanna.

E poi, come vai all’estero, appena dici a qualcuno che sei
di Roma, la prima cosa che ti rispondono è “Roma? Wow, Francesco Totti,
the legend!”

Noi ci chiamiamo Roma, loro no.

Manco capisco chi gli storpia il nome, li chiama laziesi. So’
laziali.  Che altro je voi di’?

“Il mio nome è simbolo della tua eterna 
sconfitta”. recitava uno striscione della Curva
Sud nel derby 22/09/2013.

E ora una playlist romanista: 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *