In memoria di Gabbo. Mai più un morto per il pallone!

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/15027725_682201338622013_817714213637005095_n.jpg?oh=924420dde2723b613d6e09b440d6ceab&oe=58C8BA71

Il calcio è passione, amore, impegno sportivo, agonismo, fedeltà ai propri colori e simboli, rispetto verso chi onora col sudore la Maglia.

Il calcio è festa, un sogno di riscatto, è cantare ed esultare insieme.


E’ folclore, sfotto’ ironici, le prese per il culo, che non offendono e fanno sorridere anche a chi le subisce.

Il calcio è uno spettacolo, in campo e sugli spalti. 

Dove però ancora dobbiamo riflettere sul fatto che è del tutto assurdo e inconcepibile qualsiasi odio e qualsiasi violenza. 

I tifosi avversari sono persone esattamente come noi. 

Che finita la partita tornano dalle proprie famiglie, il giorno dopo si alzano per andare a scuola o al lavoro. Con le loro gioie ma anche ansie, preoccupazioni..

Che se le incontri senza sciarpe colorate e fuori dal contesto calcistico possono essere persone squisite o antipatiche…

Ma certo non dipende dalla squadra per cui tifano. 

Perché un tifoso avversario non può essere confuso come fosse un nemico da combattere in una guerra di civiltà. 

Basta stronzate! 

Nel XXI secolo tormentato da guerre, terrorismo, calamità di ogni genere, non ci si può ammazzare per una sciarpa clorata e una palla calciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *