Advertiser: una figura professionale in continua crescita

Che internet sia ormai il mezzo di comunicazione più potente (oltre che democratico) del mondo non ci sono dubbi. Al fine di poter sfruttare le sue infinità potenzialità, è importante farne un uso più che saggio. E questo, un qualsiasi advertiser che si rispetti, ovvero colui che investe per effettuare campagne pubblicitarie online, lo sa bene. In rete la pubblicità (o più propriamente, l’advertising) ha ormai assunto un ruolo determinante sia per le imprese (che potranno così raggiungere un vasto pubblico), sia per i gestori dei siti web, dal momento che gran parte del loro guadagno deriva proprio da qui.

Cosa fa l’advertiser?



Avete mai fatto caso che in qualsiasi pagina voi navighiate, sia che si tratti di un social network o del portale di voli low cost, troverete sempre del materiale pubblicitario? Come pocanzi accennato, il web è ormai diventato il canale di comunicazione per eccellenza, nonché il più dinamico in termini di investimenti. Negli utlimi anni si sono così delineate delle nuove figure professionali, strettamente connesse al Web stesso. L’advertiser rientra di diritto tra questi e diversi sono i suoi compiti: ricevere il brief dal cliente; in base alle informazioni e al budget a disposizione, stabilire il tpo di strumento pubblicitario da utilizzare; proporre al cliente un piano d’azione strategico; occuparsi della parte creativa ed elaborare l’annuncio; prendere contatti e panificare le attività advertising; ed infine valutare i risultati.


Quali sono i requisiti di un advertiser?



Parlando di mezzi di potenti mezzi di comunicazione, è quasi scontato il fatto che la figura dell’advertiser si forma, compiendo studi legati alla comunicazione, al marketing e all’informatica. È infatti necessario che abbia competenze e conoscenze approfondite dei linguaggi di programmazione Web, gestione contenuti su specifiche piattaforme, ottimizzazione SEO, campagne marketing e così via.
Quello del web è un settore in continua evoluzione e la figura dell’inserzionista procede di pari passo con quest’ultimo. È possibile incontrarlo in un’agenzia creativa, in una web agency, negli istituti di ricerca, nelle società di consulenza, network di affiliazione, concessionarie di pubblicità ed altri luoghi ancora. Trattandosi di un mercato in continua crescita, è possibile parlare di opportunità di crescita lavorative piuttosto rapide, rispetto ad altri settori.

L’obiettivo di un advertiser



Una delle inserzioni pubblicitarie online di maggior rilievo è il banner (letteralmente insegna), che si apre ogni volta venga aperta una determinata pagina web. Di diversa forma e dimensione, queste insegne possono essere dinamiche, statiche o interattive e non hanno una precisa collocazione nella pagine web (in alto, a destra, a sinistra o nel centro); queste riportano un annuncio promozionale e con un solo click l’utente verrà indirizzato direttamente al sito dell’azienda inserzionista. Dove sta la bravura di un inserzionista?
Dietro qualsiasi tipo di annuncio pubblicitario online (l’advertising), un bravo advertiser si impegnerà a diffondere messaggi ben preconfezionati, con il preciso intento di trasformare il consenso in atteggiamenti o comportamenti positivi da parte del pubblico o consumatore, che non deve tradursi esclusivamente nell’acquisto di un dato prodotto o servizio. Per poter perseguire l’obiettivo appena delineato, è quindi importante aver ben chiaro il target da raggiungere, analizzare il mercato di riferimento, mettere in atto opportune strategie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *